Raul Gabriel Bio

raul portrait new

Raul Gabriel è nato nei sobborghi di Buenos Aires nel 1966. Vive e lavora tra Londra e Milano

Arriva in Italia dopo un tragico naufragio nellaTierra del Fuego . Dopo un periodo dedicato alla sperimentazione in musica,ed un lungo viaggio a SantaFe de Bogotà, alla fine del 1998 si converte alle arti visive, portandolo a Milano, poi a Londra,dove in pochi anni gli vengono dedicate numerose mostre pubbliche e private, segnando un percorso che parte dal corpo,meglio inteso come identità biologica della realtà, e dei suoi processi mutazionali declinati nelle differenti forme estetiche.
Di Raul Gabriel scrive Paolo Bolpagni : “Raul Gabriel possiede una strutturatissima impostazione scientifico-razionale, ma insieme è un fascio ipersensibile di intuito e di esplosività dionisiaca; è un mistico, ma un mistico della corporeità; è nato come musicista nell’ambito della sperimentazione jazz, ma poi ha trovato la propria “casa” nella pittura; e contemporaneamente, in maniera tutt’altro che collaterale, si misura con il video (lo straordinario Xfiction, per esempio), con la performance, con il disegno, con il libro d’artista, con l’architettura, con la progettazione . La sua produzione è un’apoteosi del pensiero umanistico. In quest’epoca di iper-specialismo, di parcellizzazione del sapere e dell’operare, Raul Gabriel è un elemento di contraddizione, una pietra dello scandalo: ci indica che un’altra strada è ancora possibile, anzi, che è necessaria per riprendere la via dell’autenticità.”
Mostrare la inesistenza di confini immaginati e strumentali, vincoli obsoleti ancora forti nella cultura contemporanea, è uno degli obiettivi prioritari di Raul Gabriel. Attraverso le opere affronta territori differenti solo in apparenza , per tentare di delineare una unità rinnovata e la possibilità di una scrittura comune. Raul Gabriel tiene a dire che “ mi interessa a trascrizione del corpo, non la descrizione. La descrizione ha un intento unicamente decorativo”.
Principali eventi espositivi

Alcuni momenti principali del suo percorso iniziano con la partecipazione alla mostra pubblica al Palazzo delle Stelline a Milano nel 2000 , chiamata Periscopio ,dove un pool di critici evidenziava le  presenze artistiche più interessanti a Milano, la personale alla Fondazione Mudima di Milano nel 2003 , la Quadriennale di Roma 2003-2005 dove Gabriel introduce per la prima volta il concetto di astratto geneticamente modificato, la installazione a Battersea Park  a Chelsea ( Londra ) ,la project room a Miart con Grossetti arte contemporanea nel 2006, la personale a Londra alla Broadbent Gallery sempre nel 2006 , dove si focalizza il concetto di ibridazione dei media, la performance video-sonora allo Spazio Oberdan di Milano dal titolo “Concerto dei semafori geneticamente modificati”,la personale a Roma nel 2007 alla Galleria Pino Casagrande esponente di rilievo per l’arte concettuale,la mostra e le fiere a Berlino e Miami nel 2008 -2009, la personale “Colorenoncolore “ alla galleria Armory Contemporanea di Perugia nel 2008,la installazione multipla alla inaugurazione della Fondazione Wunderkammern a Roma fine 2008, la imponente video-installazione al Festival dei Due Mondi di Spoleto nel 2009. Segue questi eventi la proiezione dell’opera video Bak2Berlin alla Fortezza da Basso a Firenze ,nata dalla esperienza berlinese e oggetto della mostra ed evento site specific ad Arte Fiera 2010 e quindi alla galleria Armory di Perugia dal titolo Bak2Bike. Quindi la “Pista Ciclabile Rimovibile” in mostra fino al 2012 a Palazzo Collicola Museo Carandente Arti Visive di Spoleto insieme ad una stanza deidicata alle “riflessioni sulla forma”. Queste esperienze aprono per Raul Gabriel il fronte del rapporto con gli spazi da cui deriva il progetto Silkocoons premiato alla Facoltà di Architettura della Sapienza e in mostra al World Expo di Shangai. Quindi il progetto di ripensamento artistico della chiesa perugina di S M di Colle dei tardi anni ’50 , progetto che ottiene varie pubblicazioni nazionali e non e diviene oggetto di conferenze la prima delle quali al Museo Paolo VI raccolta arte contemporanea di Concesio .Nel 2011 la mostra evento CUBE in occasione di Festarch , festival internazionale di architettura, e la video installazione a Spoleto durante il Festival dei 2 Mondi. Nel novembre 2011 la mostra Bak2Berlin , alla galleria Artmbassy nel centro di Berlino . Nel Febbraio 2012 la sua opera video viene mostrata e presentata all’Auditorium di via Conciliazione a Roma . Marzo 2012 “Transformations” Ambasciata Italiana Londra. Giugno 2012 la mostra TOPOS-TOMIE alla Fondazione Umbra per L’Architettura . La scultura CUBE fa parte della mostra del cinquantenario del 2012 “+ 50” a Spoleto ed entra a far parte della collezione di Palazzo Collicola Arti Visive. Febbraio 2013 group show internazionale Lumen Ray alla galleria Jerome Zodo Contemporary di Milano. Dicembre 2013 w0rm$ The Format Contemporary culture gallery Milano. 2013/2014 One to One Centro arti contemporanee Broletto, Pavia. Febbraio 2013 Lumen Ray, Jerome Zodo Gallery Milano. Dicembre 2013 w0rm$ The Format Contemporary Gallery Milano. Operazione artistica Passaggi di stato:five chairs dipartimento di filosofia università Cattolica Milano, Dicembre 2013-Gennaio 2014 One to One Centro arti contemporanee Broletto, Pavia. novembre 2014 Virtual Apraxia galleria The Format Milano, ottobre-novembre Sinopie, Raul Gabriel incontra Lucio Fontana, sala Lucio Fontana MUDI Milano. Gennaio 2015 Back to Berlin, opera video, Auditorium San Fedele Milano, marzo-giugno 2015 Xfiction opera video Piazza della Loggia e Duomo Vecchio Brescia.